Perché è importante analizzare la concorrenza all’interno del tuo settore

Innanzitutto, facciamo una distinzione.

Analizzare la concorrenza non c’entra niente con lo spionaggio industriale. Si tratta di una pratica lecita e non invasiva.

Infatti l’obiettivo non è scoprire l’ingrediente segreto di un competitor, ma osservare oggettivamente quello che fa, per capire come farlo meglio con i tuoi mezzi.

Ecco qual è lo scopo dell’analisi della concorrenza: una presa di coscienza dell’attuale offerta nel tuo settore, per comprendere in che direzione occorre muoversi in futuro.

Per esempio, se un’azienda leader nella tua nicchia offre un numero di servizi, è importante scoprire quali hanno più successo: è su quelli che vuoi focalizzarti tu.

Come trovare i competitor nel tuo settore

Per analizzare la concorrenza devi prima individuare chi sono realmente i competitor principali nel tuo settore.

Per fortuna esistono degli strumenti online per trovare i tuoi concorrenti.

Uno dei più efficaci è SEMrush. Questo portale ti permette di cercare una parola chiave in relazione al tuo Paese e ti fornisce le statistiche e i siti web correlati.

Se, per esempio, produci bici elettriche, devi cercare “biciclette elettriche” in Italia su SEMrush. Adesso puoi consultare l’elenco dei siti più visitati organicamente o tramite annunci.

Seleziona quelli che svolgono la tua stessa attività e salvali per procedere con l’analisi della concorrenza.

Altri siti web con questa finalità sono Compete e SimilarWeb.

Ecco cosa prendere in considerazione nell’analisi della concorrenza

Rendi il processo di analizzare i concorrenti il più ordinato possibile. Così sarà ancora più efficace.

Per farlo, ti consiglio di schematizzare per ciascun concorrente i seguenti elementi.

  • I punti di forza e i vantaggi della tua concorrenza.

Punta subito a scoprire cosa rende i tuoi avversari forti e/o unici.

Perché hanno successo? Cosa spinge le persone a comprare i loro prodotti o servizi? In cosa sono imbattibili?

Per esempio, un’azienda può avere successo per la qualità o per i prezzi competitivi.

  • L’immagine e la comunicazione dei tuoi competitor.

Un altro elemento che distingue un’azienda da un’altra, anche all’interno dello stesso settore, è l’immagine di brand.

Prendi ad esempio il campo della tecnologia. È piuttosto facile individuare chi rappresenta il design e chi la tecnicità.

Entrando in una nicchia devi capire qual è l’immagine dei tuoi concorrenti e studiare l’efficacia della loro comunicazione.

Puoi fare di meglio proponendoti con lo stesso tono? Oppure esiste un ideale che non è ancora stato incarnato da altre aziende e di cui i clienti sentono la mancanza?

  • Le debolezze dei tuoi competitor.

Tutte le aziende – o quasi – hanno un tallone d’Achille.

Non si tratta necessariamente di un difetto, ma semplicemente di un aspetto su cui non si focalizzano a favore di altri punti di forza.

Quali sono le debolezze dei tuoi concorrenti? Come puoi sfruttare le loro lacune? In che modo i tuoi prodotti o servizi sono superiori ai loro? Cosa manca ai clienti?

L’analisi della concorrenza deve portare a galla tutto questo.

Il motivo è molto semplice: ogni mancanza di un tuo competitor è un’opportunità per la tua azienda.

Chiedi alle persone cosa vorrebbero di più e scopri quella breccia nel mercato in cui concentrare la tua offerta per avere successo.

Per esempio, un’azienda che produce pasta può scoprire un bisogno irrisolto di prodotti senza glutine, o biologici.

  • L’attività social della concorrenza.

Un indicatore di successo online è sicuramente l’attività sui social network. Ecco perché devi prenderlo in considerazione nell’analizzare la tua concorrenza.

Chi ha più follower su Facebook, Twitter e sugli altri canali social? Come curano le proprie pagine? Ogni quanto postano? Che tipo di comunicazione pubblicano? Cosa ottiene più consensi e condivisioni?

Questo ti serve sia per individuare i tuoi competitor più grandi che per capire come impostare la tua presenza sui social network.

Scopri perché conviene usare il retargeting su Facebook.

Potresti anche individuare un canale social non ancora sfruttato nel tuo settore ma con un grande potenziale.

Queste sono le linee guida per fare l’analisi della concorrenza. Studia le aziende con cui competi e scopri cosa puoi offrire di più.

Contattaci per aiutarti ad analizzare la tua concorrenza e per sviluppare una strategia digitale superiore.

Questo articolo ti è stato utile? Lascia un commento qui sotto.

button