Categoria: Linee Guida

13 posts
By on
Posted on
in categories

Perché e Come Usare Snapchat per la Tua Azienda

62 views

Si vocifera che sia la nuova frontiera del marketing digitale per le aziende.

Una piattaforma social così appetitosa da convincere Facebook a offrire 3 miliardi di dollari per il suo acquisto (rifiutati).

Eppure sono molti quelli che non sanno come usare Snapchat per la propria azienda. E ancora di più quelli che la snobbano a prescindere, perché troppo strana.

Il mio parere da imprenditore?

Se Snapchat è tanto sicura del proprio potenziale da sbattere la porta in faccia a un Mark Zuckerberg con tanto di assegno da 3 miliardi di dollari senza battere ciglio, vale la pena approfondire.

Snapchat: è nata una nuova opportunità per le aziende?

Inviare immagini che spariscono dopo 10 secondi.

Ecco la value proposition di Snapchat.

Un’idea semplice – e forse un po’ ambigua – che è riuscita a evolvere in un brand da 10 miliardi di $.

Scopri come trasmettere il valore per il cliente con una value proposition.

Oggi Snapchat conta diverse decine di milioni di utenti attivi e si conferma una delle applicazioni social più usate dalla popolazione tra i 13 e i 24 anni.

E sì, capire come usare Snapchat per la tua azienda ti permette di comunicare con un segmento di mercato importantissimo.

Quello dei giovani e dei giovanissimi (i cosiddetti millennial), che oggi hanno un valore immenso – specialmente per determinati settori – e che in futuro detteranno le regole del business per le aziende.

Perché usare Snapchat per il business?

Quello che offre Snapchat è unicità: un approccio che la separa da ogni altra piattaforma social.

Caricare foto e video che spariscono dopo poco tempo può sembrare contro produttivo, ma in realtà ha un valore a sé.

Snapchat è in grado di creare intimità su larga scala.

Rende i suoi utenti partecipi di qualcosa che non sarà sempre lì e così li coinvolge su un piano emotivo più profondo. Come chi viene a conoscenza di un segreto.

Per esempio, la famosa catena americana di fast-food Taco Bell ha usato Snapchat per annunciare il lancio di un burrito, inviando la foto in anteprima ai suoi iscritti.

Ecco qual è il potenziale di Snapchat per le aziende. Fare appello a un sentimento comunissimo tra le generazioni più giovani (e non solo!): la necessità di sentirsi cool.

Quell’appagamento un po’ elitario di avere scovato l’ultima tendenza e di sapere qualcosa di importante prima della massa.

Orang-e ti aiuta a sviluppare la tua strategia digitale. Contattaci ora!

Come usare Snapchat per la tua azienda

Capire come funziona Snapchat è facile. Fai un video o una foto, carichi e dopo un po’ scompare.

Comprendere come usare Snapchat per la tua azienda è diverso.

Il primo dei benefici di Snapchat per il business è la creazione di campagne teaser.

Puoi stuzzicare il tuo target con dei contenuti lampo per innescare un efficacissimo meccanismo di curiosità e di passaparola.

Per esempio, se stai lavorando a un nuovo prodotto, puoi inviare una sua immagine in anteprima a chi ti segue.

Il fatto che siano contenuti destinati a sparire ha due effetti: da un lato crea più attesa, dall’altro fidelizza i tuoi clienti perché si sentono premiati.

Ma usare Snapchat per il business offre un’altra importante opportunità.

Puoi concederti una comunicazione più immediata, meno sofisticata e più economica senza compromettere la tua immagine.

Quell’aspetto un po’ amatoriale fa parte del gioco e, anzi, è apprezzato in questo contesto.

Specialmente se usi un tono divertente e informale: ideale su Snapchat.

Infine, Snapchat permette l’utilizzo di gamification.

Puoi creare delle vere e proprie caccie al tesoro con immagini e video temporanei, a cui i tuoi utenti possono partecipare per vincere uno sconto o un premio da te scelto.

Insomma, possiamo concludere dicendo che questa è la piattaforma di fidelizzazione per eccellenza, perché crea un legame di complicità tra brand e cliente per cui gli altri social network non sono attrezzati.

È con questo spirito che devi usare Snapchat per la tua azienda.

Cosa ne pensi? Lascia un commento qui sotto.

 
By on
Posted on
in categories

5 Strumenti che Devi Imparare a Usare Prima di Iniziare un Nuovo Business

79 views

Iniziare un nuovo business non è un’impresa facile.

Specialmente oggi che la competizione è alle stelle ed è sempre più difficile stare dietro a tutti gli aspetti logistici, di ricerca, tecnologici e di marketing necessari ad avviare un’azienda e a tenerla in vita.

Per fortuna, non è scritto da nessuna parte che tu debba fare tutto questo senza un aiuto.

Infatti, nella mia esperienza, ho scoperto che oggi esistono degli importantissimi strumenti che devi imparare a usare prima di iniziare un business.

Bada bene: in questo articolo non troverai delle scorciatoie per avere successo saltando dei passaggi.

Questo perché nel business non esistono scorciatoie. Tuttavia ci sono dei modi più efficienti di fare le cose.

Vediamo insieme come.

Ecco gli strumenti che devi imparare a usare prima di iniziare un business

#1 Google Trends

Quando è il momento di fare delle ricerche di marketing – ed è sempre il momento di fare ricerche di marketing! -, Google Trends è uno degli strumenti più utili a tua disposizione.

Innanzitutto è completamente gratuito (basta un account Google), in più ti permette di scoprire in modo facile e veloce quali sono le tendenze più popolari del momento e la stagionalità della ricerca di un determinato termine.

Insomma, è uno strumento fondamentale per iniziare il tuo business, perché ti aiuta a capire quali sono le nicchie più remunerative e quali quelle eccessivamente sature.

#2 SurveyMonkey

Parla con il tuo mercato. Questa è una regola d’oro che qualsiasi marketer conosce bene.

Nessuno è più qualificato a fornirti un’opinione sul business che vuoi lanciare dei tuoi potenziali clienti. Il problema è dove trovarli.

A risolverlo ci pensa SurveyMonkey, che ti permette di creare sondaggi e indagini e di proporli sul Web a un pubblico mirato. Ovvero a persone targetizzate sulla base di interessi e tratti demografici scelti da te.

Leggi quali sono i 5 passi fondamentali per lanciare un nuovo brand.

#3 Google Drive

Con imprenditori e aziende di tutto il mondo che lavorano sempre di più online, negli ultimi due o tre anni abbiamo visto nascere centinaia di applicazioni per gestire e condividere documenti di lavoro.

Un trend tanto di successo da aver convinto anche il colosso Google a volerne una fetta. E che fetta!

Anche in questo caso la grande G è riuscita quasi a polverizzare la concorrenza, e il suo Google Drive si è affermato come uno degli standard più riconosciuti.

Per usarlo basta un account Google e, come anticipato, si tratta di una app (mobile, desktop e browser) che permette di creare, modificare, condividere, rimodificare, commentare, consultare e modificare ancora un po’ documenti di testo, presentazioni, immagini e altri formati che utilizziamo tutti quotidianamente.

Non solo imparare a usarlo, ma rendere Google Drive parte integrante della tua routine professionale ti aiuterà a ottimizzare di gran lunga il tuo lavoro.

#4 Asana

Di qualsiasi dimensione sia la tua azienda, sono sicuro che ti trovi spesso a dover coordinare dei progetti. Sia all’interno con i tuoi dipendenti e colleghi, che fuori con clienti, fornitori o collaboratori.

Asana ti offre un sistema gestionale per farlo in modo comodo, veloce e sicuro.

Puoi assegnare compiti a chi vuoi, creare progetti e calendarizzarne le attività, organizzare riunioni e incontri, e tanto altro ancora. Non solo.

Asana permette di allegare documenti e file salvati su tutte le principali applicazioni di storage Cloud, come ad esempio Google Drive, citato qui sopra.

#5 Freshbooks

Questo è l’ultimo degli strumenti che devi imparare a usare per lanciare un nuovo business. Specialmente se offri un servizio.

Quando è in gioco la tua immagine, ogni dettaglio conta e questo riguarda anche l’aspetto e la struttura delle tue fatture.

Freshbooks ti aiuta a creare delle fatture professionali, di design e personalizzate con il tuo logo e complete di tutte le informazioni di pagamento necessarie.

In questo modo puoi stupire positivamente i tuoi clienti anche nel momento in cui batti cassa. E chissà, magari ti pagheranno più volentieri.

Questi per me sono dei tool fondamentali e ti consiglio di imparare a usarli prima di iniziare il tuo prossimo business.

Vedrai che andrà tutto molto più liscio.

Infine, se vuoi un sito professionale di qualità a un prezzo conveniente, contatta WebAmico.

 
By on
Posted on
in categories

Lanciare un Nuovo Brand: 5 Passi Fondamentali

62 views

Ciò che frena gli imprenditori nel lanciare un nuovo brand, così come un nuovo servizio o prodotto, è che sembra un’impresa titanica.

In realtà il problema è che la maggior parte di loro non sa da dove cominciare.

Non fraintendermi. Effettivamente è un processo piuttosto complesso, non la classica cosa che uno si alza la mattina e decide di fare così tanto per provare.

Però non deve neanche essere necessariamente una mossa che solo milionari con decenni di esperienza alle spalle possono permettersi.

Quello di cui hai bisogno è organizzazione: conoscere i passaggi fondamentali per lanciare un nuovo brand ed eseguirli tutti con ordine.

Vedrai che in questo modo riuscirai ad avviare la tua prossima avventura imprenditoriale, anche solo con un piccolo investimento.

Vuoi creare una strategia digitale efficace? Contatta Orang-e.

Scopri i 5 passi fondamentali per lanciare il tuo nuovo brand

#1 Definisci il tuo target

Il primissimo step per il lancio di un nuovo marchio è definire il target a cui sarà rivolto.

La strategia “ndo cojo cojo” non è un buon esempio di brand management efficace. Per creare un brand di successo devi avere ben chiare in mente le persone per cui lo stai creando, ancora prima di averlo creato.

Per esempio, quando ho lanciato il nuovo brand informaticaok, l’ho fatto pensando alle PMI che hanno bisogno di assistenza informatica a Milano.

Su questo target ho concepito ogni aspetto del brand, dall’immagine alla comunicazione, fino ai servizi che offro.

Mettiti nei panni del tuo target e pensa con la sua testa quali sono i problemi che il tuo marchio deve risolvere.

#2 Trova la tua UVA (Unique Value Proposition)

Cos’è la Unique Value Proposition? Sto parlando del beneficio chiaro e unico che ti distingue dal resto dei tuoi concorrenti.

Uno degli ostacoli più grandi che incontrano gli imprenditori nel lanciare un nuovo brand è proprio la difficoltà di farsi notare. Oggi esiste competizione su tutti i fronti e ritagliarsi un pezzo di mercato – anche una nicchia – richiede una certa unicità.

Insomma, devi differenziare il tuo brand attraverso un valore unico. In questo modo le persone assoceranno te – e nessun altro – alla risoluzione di una determinata esigenza.

Ad esempio, nel caso di informaticaok, offro interventi a domicilio immediati, per la pace d’animo dei miei clienti.

#3 Genera attesa e desiderio

Grazie alla Unique Value Proposition, hai attirato l’attenzione del tuo target. Congratulazioni!

Ora però devi evolvere quell’attenzione in interesse e in desiderio. Come? Creando attesa per il lancio del tuo brand.

I modi per farlo sono molti, ad esempio seminando degli indizi e dei piccoli teaser qua e là per il Web e sui social network.

Nel farlo ricorda di targetizzare il tuo audience, così da rendere i tuoi sforzi più mirati e quindi efficaci.

#4 Crea il tuo sito web e le tue pagine social

A proposito di Web e social, non puoi lanciare un nuovo brand senza aver creato il sito web con annesse pagine aziendali sui social network più popolari e rilevanti per il tuo business.

Sarà questa la vetrina di presentazione della tua attività e un canale di comunicazione diretto con i tuoi clienti.

Per questo fai in modo che ti rappresenti bene, scegliendo un design accattivante e funzionale, e ottimizzando il tutto per la SEO, così da essere più facilmente reperibile.

Vuoi creare un sito web professionale e ottimizzato SEO? Ti aiutiamo noi!

#5 Dai una voce al tuo brand, aka: fatti conoscere

Una volta creato il tuo brand non puoi aspettarti che siano i clienti a scoprire di te e a cercarti. Perché non sarà mai così.

Sei tu che devi andare a bussare alla loro porta.

Fortunatamente, oggi Internet ti offre numerose strade per farlo. E anche bene!

Per esempio la pubblicità su Facebook. Piccoli investimenti, grande esposizione e, come già detto, la possibilità di mirare il target giusto.

Questi sono i 5 passi fondamentali per lanciare un nuovo brand.

Seguili e vedrai che riuscirai a raggiungere i tuoi obiettivi senza inutili perdite di tempo e di soldi.