Categoria: Imprenditoria

12 posts
By on in categories

Trimestrale da record per Apple anche quando vende meno iPhone

94 views

E’ più facile giudicare che analizzare. ma a cosa serve?

È più forte di noi. Proprio non riusciamo a resistere.

L’accanimento ci riesce più spontaneo di un riflesso. Specialmente quando il bersaglio è in cima. O quanto meno è sopra di noi.

Ne è un esempio l’astio che è dilagato in questi ultimi mesi nei confronti di Apple e dei suoi nuovi prodotti.

Possiamo parlare di “critica”, ma criticare comporta un approccio analitico tanto degli aspetti negativi quanto di quelli positivi.

No, quello a cui assistiamo ogni giorno è semplice rimostranza, disapprovazione, sfogo.

Sia ben chiaro: il mio non vuole essere assolutamente un intervento pro Apple. Anzi, non me ne frega niente di entrare nel dettaglio della vicenda Apple in sé.

Quello su cui voglio accendere un riflettore, è l’atteggiamento che le alcune persone e media hanno assunto a prescindere.

Al lancio dei nuovi iPhone è seguito un turbine di voci su una presunta e inevitabile crisi dell’azienda. L’iPhone fa schifo, la Apple fa schifo, fa tutto schifo.

E invece eccoci qui. Flashfoward qualche mese dopo e i dati parlano di un +13% di ricavi rispetto allo scorso anno. Un trimestre con profitti quasi inediti, che neanche Steve Jobs si sognava.

Qui io allora mi chiedo: non è che ci sia una lezione da imparare in tutto questo?

Magari, un’analisi più riflessiva (critica) è l’approccio giusto al successo, o insuccesso, di un’azienda?

FORSE, la gogna automatizzata, per quando appagante, non è la filosofia di vita più produttiva. Così come urlare all’insuccesso degli altri non accresce il nostro successo.

Io sono convinto che il nostro percorso – personale e professionale – sia fatto di tante lezioni imparate.

Imparate anche analizzando con obiettività ciò che dà agli altri una marcia in più.

Anziché aspettare che qualcuno inciampi, perché non osserviamo come corre?

Capire il successo di Apple o di un’altra azienda è senz’altro più utile che giudicarne l’operato. E sia chiaro: questo non significa sposarne completamente i valori o promuoverne a pieni voti i prodotti.

Significa trovare dei riferimenti, degli spunti, dell’ispirazione a fare meglio.

Per questo la curiosità è molto più interessante del pregiudizio.

Un saluto,

Davide

Ti servono spunti per il tuo successo?

SCARICA ORA IL MIO EBOOK

 

L’importanza del biglietto da visita e come devi personalizzarlo

105 views

Oggi che ci portiamo il mondo in tasca grazie a uno smartphone, sono in molti i professionisti che si chiedono: si usa ancora il biglietto da visita?

Fino a qualche anno fa, l’importanza del biglietto da visita non era mai stata messa in discussione. Ma oggi lo scenario è cambiato sotto così tanti aspetti, che ormai tutto sembra a un passo dall’essere obsoleto.

Facciamo tutto in digitale. Lavoriamo in digitale, comunichiamo in digitale, conosciamo persone in digitale, e ci informiamo in digitale.

La fisicità – e in particolare la carta – hanno un ruolo sempre più limitato.

O meglio, questo è quello a cui ci forziamo a credere.

Perché la verità è che ci sono delle abitudini, degli oggetti e dei gesti che non possono essere sostituiti. E a mio avviso, il biglietto da visita rientra in questa categoria.

A patto di crearlo nel modo giusto.

Il biglietto da visita: perché è ancora importante

La strategia digitale è una parte fondamentale del mio lavoro. Per questo forse ti sembrerà strano che io difenda l’importanza del biglietto da visita.

Se è così, stai guardando la cosa dal punto di vista sbagliato.

Pensare che il biglietto da visita non sia più importante perché “vecchio” è inesatto. Infatti, è ancora importante proprio perché è un refuso. E come tale, ti permette di differenziarti.

In un contesto aziendale e imprenditoriale ultra digitalizzato, porgere ancora oggi un pezzo concreto di te ha un impatto amplificato persino più di quando il biglietto da visita era l’unico strumento di networking.

Il suo valore fisico non è minimizzato dalla digitalizzazione: semmai è valorizzato da essa.

Mostra un’attenzione in più. Una premura che si riflette nella tua professionalità.

Come anticipato, però non basta avere un biglietto da visita. Devi avere il Tuo.

Scopri la mia strategia per creare video e il materiale che utilizzo.

Il biglietto da visita personalizzato

Esistono svariati formati e dimensioni del biglietto da visita.

Per me però c’è solo una regola veramente importante. E cioè che il biglietto da visita deve rispecchiare chi sei tu.

Online si trovano migliaia di layout pronti, e moltissimi imprenditori e professionisti si limitano a scaricarne e a piazzarci le proprie informazioni.

Risultato: finiscono col distribuire un pezzo di carta banale e anonimo. Che è esattamente quello che gli altri penseranno di te se lo fai anche tu.

Al contrario, il tuo obiettivo deve essere trasmettere sì professionalità, ma con unicità, in relazione al tuo lavoro.

Questo non solo evidenzia la tua creatività, ma suggerisce che tu sia un passo davanti ai tuoi concorrenti.

Su Internet puoi trovare numerosi esempi di quello che ti ho appena spiegato. Da biglietti da visita per grattugiare il formaggio, a biscotti con incise sopra le informazioni.

L’importante è essere creativi il giusto.

Cosa significa? Usa quel pizzico di genio che serve a catturare l’attenzione e a stupire, senza però esagerare rischiando di sfociare nel grottesco.

Per esempio, nel mio caso ho optato per una grafica da social network.

Il mio lavoro nella strategia digitale è intrinsecamente connesso a questo aspetto del Web, e così ho dato al mio biglietto da visita le sembianze di un profilo Facebook o LinkedIn. Ma non solo.

Al suo interno ho inserito anche un QR code che permette a chi lo scannerizza con lo smartphone di collegarsi subito alla mia pagina Facebook. Una soluzione intuitiva, che ammicca alle mie conoscenze informatiche e digitali.

Ecco cosa intendo per biglietto da visita personalizzato.

Niente di folle o troppo elaborato, ma un’idea interessante e chiara, legata alla tua professione specifica.

Tu sei riuscito a tradurre l’importanza del biglietto da visita in un’idea concreta? Fammelo sapere con un commento.

 

 

 

 

Email marketing: le mie strategie di Lead Nurturing

215 views

L’ email marketing è un argomento di cui amo parlare.

Primo, perché è importantissimo per gli imprenditori. Secondo, nasconde una profondità strategica sorprendente e – se lo chiedete a me – anche molto avvincente.

Già, perché mica basta scrivere una newsletter, inviarla e aspettare che la magia della rete faccia il resto. L’email marketing è fatto di passaggi e di variabili che richiedono un lavoro continuo.

La lead nurturing è proprio uno degli elementi che rientrano in questa attività. Ma non solo: è uno dei più importanti.

Vediamo come può aiutare il tuo business a crescere.

Cos’è la lead nurturing

La lead nurturing è il percorso necessario per sviluppare delle relazioni con i tuoi clienti, contatti o lead. Il verbo inglese to nurture, infatti, significa proprio “coltivare” o “allevare”.

Questo processo agisce in ogni fase del funnel di vendita ed è fondamentale per fidelizzare i clienti e per creare un flusso di conversioni.

Come? Il principio della lead nurturing consiste nel creare e offrire valore per l’utente.

In altre parole, si tratta dell’insieme degli sforzi e della attività di comunicazione e marketing digitale, volti a scoprire le necessità dei prospect (clienti) e a fornire loro le informazioni e le risposte di cui hanno bisogno.

A cosa serve la lead nurturing e perché è importante “coltivare” i tuoi clienti

Come ripeto spesso, creare una newsletter efficace è sì importante, ma è solo un passaggio della strategia di email marketing.

Oggi acquisire dei contatti non vuol dire più creare una mailing list piena di persone e farsi vivo di tanto in tanto con newsletter commerciali. Quando ottieni dei contatti, devi investire nello sviluppo di una relazione duratura con loro.

Attraverso la lead nurturing devi tenere vivo l’interesse dei tuoi clienti, in modo da fare evolvere la relazione: perché è solo così che puoi trasformare lead in conversioni.

Ecco alcuni dati a supporto di quanto ti ho appena detto.

  • Le aziende che investono con successo nella lead nurturing generano il 50% in più di vendite sui loro lead a un costo del 33% più basso (fonte Marketo).
  • I contatti che sono target della lead nurturing effettuano acquisti più grandi del 47% rispetto agli altri (fonte The Annuitas Group).
  • Senza una strategia di lead nurturing adeguata, l’80% dei lead non si trasforma mai in vendita (fonte MarketingSherpa).

Insomma, è chiaro perché sia importante la lead nurturing e quanto necessario sia creare un piano di email marketing completo.

Per approfondire l’argomento: nel mio libro Coordinate Digitali, spiego come integrare la strategia di lead nurturing, è perché è così importante, all’interno di un funnel di vendita. Puoi ottenere la tua copia gratuita da questa pagina.

Ecco le mie strategie di lead nurturing

Solo contenuti mirati

Ci sono aziende che investono milioni di euro per conoscere i propri prospect. Chi sono, dove vivono, che lavoro fanno, cosa leggono, quali siti web visitano, dove vanno in vacanza, cosa mangiano, ecc.

Questo perché più è accurata e dettagliata la profilazione del target, più la comunicazione può essere mirata e, quindi, efficace.

Nel caso dell’email marketing, questo è particolarmente importante, perché il tasso di apertura di un’email commerciale è già basso (raramente eccede il 20%).

Il modo più intelligente ed efficace per rendere interessante una newsletter (o una sales letter, oppure un follow up) è proporre dei contenuti mirati, informativi e utili per il tuo target.

Email personalizzate

Secondo uno studio di Experian, le email personalizzate generano un ritorno fino a sei volte superiore rispetto a quelle generiche.

Come si fa a inviare delle email personalizzate? Innanzitutto, puoi segmentare la tua mailing list secondo diversi criteri: dal sesso all’età, ma anche per interessi o posizione geografica.

L’importante è fare in modo che chi riceve le tue email abbia la percezione che siano state scritte per lui o lei.

Costanza e puntualità

Infine, le chiavi del successo della lead nurturing sono la costanza e la puntualità.

Come già detto, il processo di email marketing è un percorso senza fine. Non basta dire “mando cinque email e poi è fatta”. Deve essere proiettato al futuro, con un flusso di contenuti di qualità continuo.

Inoltre, serve inviare l’email giusta al momento giusto. Per esempio, puoi aumentare molto le tue probabilità di creare un lead se invii un follow up entro cinque minuti da quando un utente compie una conversione sul tuo sito web.

Queste sono le mie strategie di lead nurturing, ma continua a seguire il mio blog per ricevere altri consigli sull’email marketing e non solo.

Un abbraccio!

 

9 modi etici per asfaltare la concorrenza

117 views

Mangiare o essere mangiati.

Da sempre battere la concorrenza è la prima regola di sopravvivenza del mercato. Peccato che oggi la competitività abbia un volto completamente diverso da quello che aveva dieci o quindici anni fa.

Il vero business si gioca su internet e solo gli imprenditori che sanno come sfruttare tutti gli strumenti più importanti del web possono sperare di avere successo.

Ecco 9 modi per battere la concorrenza online

#1 SEO on-site e off-site

Negli ultimi anni la SEO è diventata una delle colonne portanti della comunicazione online. Ottimizzare il proprio sito per Google è una necessità se vuoi aumentare i clienti e battere la concorrenza.

E questo vale sia per la SEO on-site (struttura sito web, URL, contenuti, metadati, ecc.) che per la SEO off-site (link building).

#2 Social media strategy

Viviamo nell’era dei social network e creare un piano di social media aziendale è fondamentale.

Facebook, Instagram, LinkedIn e gli altri canali social offrono un mare di opportunità per le aziende. Dal tenersi in continuo contatto con il proprio target al trovare nuovi clienti, i benefici nel creare una pagina aziendale sono molteplici.

#3 Pubblicità online

Uno degli aspetti più interessanti e utili per battere la concorrenza online è possibilità di postare degli annunci pubblicitari anche con budget limitato.

Facebook Ads e Google AdWords ti permettono di raggiungere migliaia di persone. Ma non solo: puoi farlo in modo assolutamente mirato, grazie ai parametri di targetizzazione sempre più dettagliati.

Per questo è opportuno che ogni azienda riservi almeno una cifra minima da investire in pubblicità online ogni mese.

#4 Assistenza clienti

Il customer service è uno dei punti di differenziazione più importanti in un business. Tanto che può fare la differenza tra un primo e un secondo posto sul podio.

Con internet, non solo sono aumentate le modalità di fare assistenza, ma sono cresciute anche le aspettative dei clienti.

Offrire un servizio di assistenza clienti online puntuale e accessibile è indispensabile per battere la concorrenza. Per esempio, puoi inserire una chat in real time sul tuo sito web.

#5 Testimonial, referenze e recensioni

Vendi un prodotto o un servizio di qualità? Allora non essere timido nell’esaltarne il valore.

Crea sul tuo sito web una pagina o una sezione dedicata alla pubblicazione delle recensioni e delle referenze da parte dei clienti. Oppure, riporta l’esperienza di uno o più testimonial. Ad esempio dei professionisti rispettati che hanno tratto beneficio nel loro lavoro grazie a un tuo servizio.

Scopri come gestire i feedback negativi su internet

#6 Blog aziendale

Content is king.

Pubblicare contenuti interessanti, informativi e accattivanti è la strategia più efficace per attirare l’attenzione online. E si dà il caso che creare un blog aziendale sia il modo migliore per farlo.

Inoltre, è anche un ottimo canale di ottimizzazione in chiave SEO del tuo sito web. Con la possibilità di inserire tante parole chiave utili e dei link interni ed esterni.

#7 Newsletter

Di recente ho pubblicato un articolo proprio sull’email marketing, per aiutarti a creare una newsletter efficace.

Il motivo per cui l’ho fatto è l’importanza delle newsletter e delle sales letter per vendere più della concorrenza. Si tratta di un passaggio chiave nella creazione di un funnel e di una strategia digitale a lungo termine volta a ottenere sempre nuove conversioni.

Per approfondire l’argomento: nel mio libro Coordinate Digitali, spiego come analizzare la concorrenza. Puoi ottenere la tua copia gratuita da questa pagina.

#8 Freebies

Un freebie è un contenuto gratuito che offri da scaricare sul tuo sito web o via email. Per esempio una guida utile per risolvere una determinata problematica attinente al tuo settore.

A cosa serve? Innanzitutto a creare valore per i tuoi clienti e utenti. In secondo luogo, è un ottimo modo per ottenere nuovi contatti da aggiungere alla tua mailing list, chiedendo l’indirizzo email come requisito per il download.

#9 Landing page

A proposito di contenuti scaricabili (gratis o a pagamento), la landing page è il trampolino di lancio per farlo. Così come è la pagina perfetta per vendere i tuoi prodotti e servizi.

Proprio perché le compete un ruolo così decisivo, la landing page necessita di un trattamento di altissimo riguardo, con uno studio dei contenuti (testi, grafica, e CTA) davvero meticoloso.

Questi sono i miei 9 consigli per battere la concorrenza online in modo etico ma efficacissimo.

Ne vuoi altri? Continua a seguire il blog e fai like alla mia pagina Facebook.

 
By on in categories

Letture perfette per l’estate: 4 libri di crescita personale (ma non solo) da leggere assolutamente

205 views

L’estate è il momento migliore per dedicarsi alla lettura.

Sotto all’ombrellone o sdraiati su un prato in montagna, non c’è modo migliore per lasciarsi ispirare dalle parole di altri. In particolare se si tratta di professionisti che sono riusciti a trovare la propria strada per il successo, nonché un equilibrio tra vita privata e lavoro.

Negli anni, mi sono imbattuto in quattro libri che consiglio assolutamente a chi desidera intraprendere un percorso di formazione, ad ogni imprenditore, libero professionista, consulente.

Quelli che considero i migliori 4 libri di crescita personale (ma non solo).

Come ottenere il meglio da sé e dagli altri – Anthony Robbins

Quando si parla di sviluppo personale, sono pochi i nomi autorevoli come Anthony Robbins. Considerato un vero e proprio guru del self-help, è uno dei migliori formatori al mondo ed è stato il consulente di personaggi come Bill Clinton e l’attuale presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Ed è esattamente la disciplina dello sviluppo personale il tema centrale di “Come ottenere il meglio da sé e dagli altri”. Pubblicato nel 1986 ma aggiornato negli anni con più riedizioni, questo libro spiega in modo molto chiaro tecniche e strumenti pratici, finalizzati al superamento dei propri limiti e paure personali.

Nello specifico, Robbins si sofferma sulla comunicazione. Perché è questa, secondo lui, l’abilità che più di tutte occorre sviluppare per realizzarsi, sul lavoro e nella vita privata. Infatti è proprio la comunicazione (con gli altri e con sé stessi) che contraddistingue le persone di successo.

Dotcom secrets: the underground playbook for growing your company online – Russell Brunson

Il digital marketing è la mia passione e questo libro ne parla in modo molto interessante. Russell Brunson condivide la sua esperienza maturata lavorando online con centinaia di aziende e riesce a trasmettere diversi concetti utili e applicabili al proprio business.

Sappiamo tutti quanto sia difficile ottenere delle conversioni senza una strategia digitale corretta, ma alle volte è difficile individuare quale sia il problema a monte. Con il suo libro, Brunson spiega l’importanza di applicare un sistema di funnel funzionante e come farlo. Certo può risultare difficile per chi è a digiuno sull’argomento, ma è comunque un ottimo incentivo per iniziare a interessarsi a questo aspetto aziendale.

Come migliorare il proprio stato mentale, fisico e finanziario – Anthony Robbins

“Tutti abbiamo dei sogni. Tutti siamo convinti, nel profondo del nostro cuore, di avere qualche dote speciale, di poter influire in un modo particolare sul mondo, di poter toccare gli altri in un modo speciale, di poter cambiare il mondo in meglio. A un certo punto della nostra esistenza, tutti abbiamo avuto una visione della qualità di vita che vogliamo e meritiamo.

 

Eppure, per molti di noi, questi sogni sono finiti sepolti sotto un mucchio di frustrazioni e di abitudini quotidiane, al punto che non facciamo più nessuno sforzo per tentare di realizzarli. Per troppi di noi, il sogno è svanito e, con il sogno, anche la volontà di plasmare il nostro destino.”

Di nuovo Anthony Robbins, ma non posso farci niente: merita due posizioni in classifica. Continuando nel suo percorso di formazione personale, Robbins si concentra su un tema fondamentale: trovare un equilibrio nella vita come trampolino di lancio per il successo.

Perché vivere di solo lavoro e routine significa dimenticarsi di sé stessi. È una trasfigurazione bidimensionale di quello che siamo e di ciò di cui abbiamo bisogno. Una castrazione delle nostre aspirazioni, senza le quali non potremo mai raggiungere gli obbiettivi che vogliamo veramente.

Il segreto è credere in se stessi – Brian Tracy

Credere in te stesso dovrebbe essere immediato. Naturale, persino. Eppure è una delle più grandi sfide che ognuno di noi deve affrontare.

Ma ad aiutarti interviene Brian Tracy con il suo segreto. Tutto è da ricondursi all’autostima: è questo l’ingrediente di cui hai bisogno per avere successo nella vita. L’autore spiega come ottenerla attraverso la fedeltà ai propri valori e lo sviluppo dei propri punti di forza. Uno sforzo a cui dovremmo sottoporci tutti.

Questi sono i quattro libri che ogni imprenditore dovrebbe leggere.

Se vuoi approfondire sull’importanza del marketing digitale e su come avere successo online, ti consiglio di leggere “Coordinate digitali, la mia guida di strategia digitale per imprenditori”.

 

Come scalare e crescere il tuo business su Internet in pochi mesi

137 views

Congratulazioni: hai fondato un’azienda, hai creato un servizio o un prodotto, e lo hai iniziato a vendere.

Sì, ma ora? Qual è il tuo prossimo passo?

Se vuoi fare crescere davvero il tuo business, oggi esiste una sola strada capace di proiettare la tua azienda al livello superiore: il Web.

Internet è la realtà in cui le aziende competono e fanno soldi. Rimanerne fuori significa accontentarsi di sopravvivere o, in molti casi, scomparire del tutto.

Per fortuna scalare un’attività online non è una missione impossibile. Anzi, esistono delle soluzioni accessibili a tutti che rendono possibile puntare a una crescita decisiva in un periodo relativamente breve.

Come crescere il tuo business con il digital marketing

Il digital marketing è la chiave per crescere un business online.

Aumentare la presenza della tua azienda su Internet, trovare nuovi clienti, comunicare con quelli che hai già, e ottenere sempre più conversioni sono gli obiettivi fondamentali a cui devi aspirare. E la buona notizia è che sono tutti realizzabili, anche per un piccolo imprenditore.

Ti serve solo una buona strategia digitale.

Andiamo in ordine. Il primo passo per scalare la tua azienda su Internet è portarla realmente online. Cosa significa?

Devi costruire una visibilità sul Web tale da essere facilmente raggiungibile e, allo stesso tempo, essere riconosciuto come un’autorità nel tuo campo. A questo servono i canali e gli strumenti impiegati dal marketing digitale.

Innanzitutto, inizia col creare e ottimizzare il tuo sito web.

Anche sotto questo aspetto, l’evoluzione avvenuta negli ultimi anni è enorme. Sono lontani i tempi in cui per avere un sito web bastava mettere su quattro pagine senza la minima cura.

Il design e i contenuti di un sito fanno la differenza.

Dal punto estetico, ormai esistono degli standard sotto i quali l’azienda non viene neanche presa sul serio. Ma non solo: una grafica attuale e pulita significa anche una navigazione più intuitiva e quindi una user experience migliore.

Lo stesso vale per i contenuti. Devono essere chiari e accattivanti per gli utenti, e ottimizzati dal punto di vista SEO per i motori di ricerca. In più è buona prassi creare un blog aziendale per pubblicare articoli interessanti e favorire l’indicizzazione con l’uso di parole chiave mirate.

Come ti sarai accorto di sicuro, oggi i social network giocano un ruolo decisivo nel successo di un’azienda. Infatti creare il piano di social media marketing è un altro passaggio obbligatorio per crescere un business online.

Si tratta del canale più diretto e immediato per coltivare il legame con i tuoi clienti in tempo reale e per scalare la tua azienda su un contesto potenzialmente quasi illimitato.

E non è tutto. Proprio i social network sono diventati i nuovi canali pubblicitari più potenti. Per esempio Facebook Ads, che ti permette di pubblicare annunci per trovare nuovi clienti anche con un budget limitato.

Questi sono strumenti di cui un imprenditore oggi non può fare a meno.

Come generare conversioni per scalare la tua azienda online

Una volta che hai rafforzato la tua presenza online, è il momento di generare delle conversioni. Ovvero trasformare i contatti (o i Like) che hai ottenuto in azioni utili alla tua azienda e/o in vendite.

Oltre ai canali di cui ti ho appena parlato, devi creare una strategia digitale a lungo termine comprensiva di un’attività di fidelizzazione e retargeting.

Per esempio, ti consiglio di avviare un sistema di email di follow-up e newsletter per continuare a incanalare i tuoi contatti verso la conversione che vuoi ottenere.

Scopri come creare una newsletter efficace con l’email marketing

Sì, perché generare in modo continuativo un volume di conversioni e di vendite online è la prova concreta che sei riuscito a far crescere il tuo business online.

Tutto quello di cui di ho parlato può essere realizzato in breve tempo e – fatte le cose nel modo giusto – potresti notare dei risultati rilevanti già dopo pochi mesi. Naturalmente, la vera crescita avverrà nel tempo e in modo progressivo.

Hai delle domande riguardo a come scalare la tua attività online? Usa la sezione qui sotto!

 
By on in categories

Abbiamo perso il contatto umano?

100 views

Da qualche parte nell’era digitale abbiamo smarrito qualcosa di molto importante.

Il contatto umano in business.

Ovvero quel tocco personale che faceva da spina dorsale per i rapporti tra professionisti e con i clienti.

L’impatto della fisicità, l’energia della stretta di mano e la necessità di guardarsi negli occhi. Questi elementi sancivano l’inizio di ogni rapporto commerciale. Così come chiedere, domandare e chiacchierare erano attività essenziali per mantenere in vita quei rapporti.

Ma oggi?

Abbiamo consapevolmente superato tutto questo per passare allo stadio evolutivo successivo? Oppure ce ne siamo dimenticati, assuefatti dall’efficienza digitale?

Il business nell’era digitale: c’è ancora spazio per il contatto umano

Mentirei se non riconoscessi i vantaggi del mondo digitale.

Infatti è proprio il fulcro del mio lavoro aiutare altri imprenditori a sfruttare i benefici del Web per fare crescere la propria azienda.

Internet e la tecnologia sono due strumenti incredibili, e il potenziale che traboccano è quasi infinito. Tutto è oggettivamente più veloce e più comodo. Questo permette alle aziende di trovare – e cogliere – nuove opportunità, che prima sarebbero state impossibili anche solo da immaginare.

Tuttavia sottolineo sempre l’importanza di non dimenticare il valore del contatto umano in business. Perché non è solo strumentale a un buon rapporto professionale: è necessario per diventare un imprenditore di successo.

Efficienza è la parola d’ordine dell’economia in cui viviamo. Dall’industria 4.0 agli e-commerce che consegnano il giorno stesso, ci siamo abituati a un automatismo imperativo.

Tagliare costi e tempi è diventato meccanico. Non ti chiedi più se sia opportuno, o se ne valga la pena.

L’efficienza è il mantra collettivo. E non si discute.

Skype fa risparmiare tempo rispetto a un incontro di persona. Verissimo. Ma dà lo stesso contributo nella creazione di un rapporto professionale?

Come distinguersi in business con un approccio più personale

Arrivati a questo punto è il momento di vedere il lato positivo.

Sì, negli ultimi anni in business si è affievolito il contatto umano. E sì, questo indebolisce le relazioni e, di conseguenza, anche le stesse attività.

Però ti offre anche una perfetta occasione. Perché puoi differenziarti dalla tua concorrenza, e non è forse questo il sogno di ogni imprenditore?

Se tutti gli altri si sono trasformati in robot, tu puoi fare gioco sulla tua personalità e sulla tua umanità per distinguerti.

In una sua intervista, il consulente Simon Sinek parla della sua visione sulla generazione definita “Millenial” e di come questi giovani siano eccessivamente dipendenti da tecnologie come lo smartphone e i social network.

Ciò che è davvero interessante, è il modo in cui racconta di avere deciso di differenziarsi con uno dei suoi libri.

In un periodo in cui l’eBook va per la maggiore, Sinek non solo ha optato per una versione cartacea, ma ha marcato l’aspetto sensoriale del libro fisico inserendo delle essenze profumate sulle sue pagine. Il profumo dell’ottimismo.

Io stesso ho scelto una strada simile per differenziarmi. Ho pubblicato un libro stampato, che utilizzo anche come biglietto da visita e che “regala” un pezzo di me ai miei collaboratori e clienti.

Si tratta di dettagli, sì, ma che possono fare la differenza nel modo in cui vieni percepito.

Aggiungere un tocco personale dà una marcia in più.

Il contatto umano con i clienti: perché è importante

Il contatto umano in business non è importante solo tra professionisti.

Come spiegato qui sopra, i clienti lo percepiscono come un fattore differenziante. Ma esiste anche un altro vantaggio.

Secondo una ricerca di Accenture, concentrarsi solo su clienti digitali è svantaggioso. Infatti i profitti più elevati sono legati ai clienti “multi-canale”. Ovvero quelli che acquistano tramite canali diversi e non soltanto via Internet.

Inoltre, il sondaggio rivela anche che:

  • Il 77% dei clienti presi in esame preferisce avere a che fare con degli esseri umani per ricevere consigli.
  • Il 73% delle persone intervistate preferisce parlare di persona, piuttosto che tramite email, in caso di problemi e supporto.

Insomma, per quanto sia innegabile la comodità di un form di contatto o di una sezione FAQ (emblema dell’efficienza), il contatto tête-à-tête è ancora quello preferito.

Dunque è evidente come aggiungere un tocco più personale al proprio servizio possa aiutare a guadagnare un vantaggio competitivo non indifferente.

Dopo aver letto questo articolo tu come ti valuteresti su una scala da 1 a 10 in termini di contatto umano?

Lascia un commento per farmelo sapere.

 
Intelligenza artificiale: i robot ci rubano il lavoro?
By on in categories

Intelligenza artificiale: i robot ci rubano il lavoro?

107 views

Intelligenza artificiale: i robot ci rubano il lavoro?Da Asimov a Matrix, la visione dell’uomo sull’intelligenza artificiale non è mai stata particolarmente ottimista.

Prima o poi, hanno sempre cercato di farci fuori.

Oggi l’AI non è più fantascienza, ma è una realtà con cui conviviamo ogni giorno. Eppure non sembriamo avere ancora superato quel senso di catastrofe impellente. Specialmente quando si leggono svariate notizie di macchine che rubano il lavoro all’essere umano.

Dunque non ci preoccupa più essere trasformati in schiavi. A farci paura è l’idea che Terminator indossi la cravatta e inizi a fare il nostro lavoro in modo più efficiente e più economico.

Intelligenza artificiale nelle aziende: di cosa hanno paura i lavoratori

Con il precariato e la disoccupazione che stagnano ostinati nell’aria, l’opinione pubblica sul lavoro tende inevitabilmente al conservazionismo.

Ergo, nasce il pregiudizio.

Le macchine rubano il lavoro all’uomo.

Così l’intelligenza artificiale nelle aziende, da supporto diventa sinonimo di competizione. E ovviamente questo spaventa.

Innanzitutto per il motivo più ovvio: quello economico. Il lavoratore perdere la sicurezza di avere uno stipendio. Ma non è tutto.

Esiste anche una forte componente psicologica. Perché per un professionista non c’è niente di peggio del sentirsi superfluo.

Il lavoro non ha solo una valenza economica. È ciò da cui trai buona parte della tua autostima, del tuo senso di scopo e della tua realizzazione personale.

Certo, nella vita deve esistere un equilibrio fatto anche di altre cose. Ma sentire che le tue competenze fanno la differenza è fondamentale.

Dunque è chiaro come essere considerato “produttivamente inferiore” annienti questo pilastro.

Come integrare l’intelligenza artificiale anziché temerla

Di recente ho seguito con attenzione il caso intelligenza artificiale e Elon Musk.

Nonostante il suo impegno in prima fila in campo tecnologico, il CEO di Tesla Motors non ha mai fatto segreto della sua visione, affermando che “Se non sfruttata bene, l’intelligenza artificiale potrebbe diventare una delle principali minacce per la nostra sopravvivenza” (fonte Il Sole 24 Ore).

In effetti, che in qualche modo la tecnologia abbia messo a dormire alcune professioni è innegabile.

Ma è altrettanto chiaro come la stessa tecnologia abbia reso diversi aspetti della vita umana più accessibili e sostenibili.

L’importante, secondo Musk, è prevenire possibili degenerazioni pericolose e introdurre un sistema normativo che permetta di far progredire l’intelligenza digitale senza che questo minacci i diritti fondamentali delle persone.

Anche a costo di slegare il concetto di tecnologia dal bisogno di un ritorno economico.

Dunque l’approccio corretto – quello che non castra il progresso, ma allo stesso tempo crede nell’etica – non punta a eliminare tecnologie oggettivamente efficienti, ma ha l’obiettivo di ripensare l’occupazione e di regolamentare lo stesso sviluppo tecnologico.

A dare una visione più positiva e conciliante è Microsoft. Nel corso della conferenza Future Decoded tenuta a Londra, Chris Bishop ha spiegato che lo scopo dell’intelligenza artificiale non è sostituire l’uomo, ma rendere il suo lavoro più facile e preciso.

Per esempio, un software medico che analizza con precisione dove il chirurgo deve incidere per operare, non elimina il chirurgo stesso, ma ottimizza la sua abilità.

Insomma, sta a noi trovare la giusta integrazione tra uomo e macchina.

Tu cosa ne pensi?

Lascia un commento.

 

 

 

 
By on in categories

Allarme Hater? Ecco Come Gestire i Feedback Negativi su Internet

183 views

Internet non è lo scenario adatto agli imprenditori permalosi.

Molto spesso, infatti, chi ha un business online si trova a dover gestire dei feedback negativi su Internet.

Un commento a un tuo post, una recensione negativa e a volte persino un bell’insulto gratuito. Le variazioni sul tema non mancano: nemmeno le più colorite.

Nessuna paura. È tutto normalissimo.

È capitato a tutti di trovarsi davanti un cliente poco soddisfatto. Fa parte del gioco.

La cosa davvero importante è come reagisci.

Sì, perché complici schermo e tastiera, spesso online diventa tutto più amplificato e, di conseguenza, complicato da gestire nel modo giusto.

Specialmente quando l’opinione viene da un “hater”. Ovvero un leone da tastiera che ha fatto dell’insulto online il suo sport.

Anche in questi casi però è necessario mantenere la calma e mostrarsi professionali. Sempre e comunque!

Ecco come gestire i feedback e i commenti negativi su internet.

Sii sempre professionale e positivo

Ricorda, una mancanza di professionalità non è MAI giustificata.

Nemmeno quando ti piovono addosso gli insulti.

Il modo migliore di gestire un commento negativo su Internet è mostrarti sempre positivo.

Fai capire all’autore del feedback che hai recepito il messaggio e che ne apprezzi il lato costruttivo.

E se di costruttivo in quell’opinione c’è davvero poco, non importa: cerca uno spiraglio di luce a cui aggrapparti e costruisci la tua risposta su quello.

Trasforma un problema in un’occasione

Un commento negativo non è la fine del mondo. Anzi, può persino essere l’inizio di qualcosa.

Un imprenditore in gamba è un professionista che non smette mai di crescere.

Fa errori, viene criticato, ma si rialza e fa meglio.

Da questo punto di vista ogni feedback negativo è uno spunto per registrare i punti deboli della tua attività in modo da migliorarli.

Pensaci bene. C’è chi paga migliaia di euro per testare i propri prodotti, e tu lo hai appena fatto gratis.

Combatti ad armi pari

Calma. Non parlo di un combattimento vero e proprio.

Ma come in ogni circostanza, anche quando ricevi un feedback negativo hai diritto di replica.

Il modo migliore per gestire i commenti negativi su Internet è rispondere con gli stessi mezzi.

Per esempio, in caso di una recensione negativa, Tripadvisor ti permette di creare a tua volta un commento per spiegare pubblicamente il tuo punto di vista.

Insomma, non farti mettere con le spalle al muro. Utilizza anche tu Internet per riscattarti.

Non negare il problema: fai capire che hai registrato il messaggio

L’errore più grande che tu possa commettere quando devi gestire un commento negativo su internet, è negare subito.

Primo, farai incavolare ancora di più l’altra parte. Secondo, sembrerai ancora di più nel torto.

Molto meglio fare percepire che hai compreso il problema e che sei intenzionato a lavorarci sopra.

Devi cercare di trasmettere empatia, non rivalità.

Fai capire che il tuo obiettivo è la soddisfazione dei clienti e che ogni critica viene registrata.

Ok, a volte è meglio prendere le distanze

Esistono dei casi in cui gestire un feedback negativo online significa doverci passare sopra.

Se hai provato quanto scritto finora ma ti trovi davanti un muro, a un certo punto la cosa migliore da fare è prendere le distanze e lasciare perdere.

Se non altro ci hai provato!

Questi sono i miei consigli per gestire i commenti negativi su Internet.

Ti sei mai trovato/a in una situazione simile?

 

5 Aspetti di Business Su Cui Iniziare a Lavorare Subito per Spaccare nel 2017

135 views

 

Per avere successo nel 2017 devi iniziare a lavorare sulla tua attività da subito. Specialmente su quegli aspetti di business che possono aiutarti a fiorire nel nuovo anno.

Sto parlando di quelle aree in cui oggi puoi avviare un processo di implementazione per ottenere grandi benefici nel corso di tutto l’anno.

Quindi, se il tuo obiettivo nel 2017 è costruire una carriera di successo, leggi attentamente questo articolo e inizia subito a lavorare su questi 5 aspetti di business.

Migliora subito questi 5 aspetti di business per avere successo nel 2017

#1 Rivedi e aggiorna la tua strategia digitale

Una strategia deve essere testata di continuo, perché quello che funziona oggi può non funzionare domani.

Il 2017 è l’occasione perfetta per domandarti quanto aggiornata sia realmente la tua strategia digitale.

L’efficacia delle compagne su Facebook, le regole SEO per posizionare il tuo sito web fra i primi risultati, le linee guida di Google, le soluzioni grafiche per convertire di più. Sono tutti elementi che cambiano di continuo.

Per questo è bene iniziare subito a tarare la tua strategia digitale sugli obiettivi e il mercato del 2017.

Scopri come convertire davvero con l’eye-tracking.

#2 Inizia a pensare a lungo termine

Certo, il tuo obiettivo è avere successo nel 2017. Ma questo non è realizzabile se non pensi più a lungo termine.

Le scelte che prendi oggi devono essere finalizzate a un programma che va oltre i prossimi 12 mesi.

Fissa degli obiettivi chiari, concreti e proiettati a costruire un brand forte, capace di durare e –  cosa ancora più importante – di crescere nel tempo.

Come puoi riuscirci?

Per esempio non affidarti troppo alle mode del momento e lascia un margine di elasticità nelle tue decisioni di business, così da avere sempre la possibilità di adattarti ai cambiamenti del mercato.

#3 Fissa un budget

Tra i 5 aspetti di business su cui devi lavorare da oggi per avere successo nel 2017, fissare un budget equilibrato è sicuramente uno dei più importanti.

Calcola più nel dettaglio possibile quali sono le spese necessarie per la tua azienda. Per esempio quelle destinate ai tuoi fornitori.

Poi, traccia anche il budget relativo agli investimenti che possono beneficiare la tua attività.

Io consiglio sempre di preventivare e destinare dei soldi alla strategia, al marketing e alla digitalizzazione dell’impresa.

Questi sono aspetti necessari per avere successo nel nuovo anno, ed è bene che tu sappia da subito di dover sostenere questi costi nel corso dei prossimi mesi.

#4 Leggi di più (molto di più!)

Cosa hanno in comune Bill Gates, Mark Zuckerberg, Oprah Winfrey e Mark Cuban?

Be’, innanzitutto sono ricchi sfondati.

Ma in secondo luogo, sono tutti avidi lettori.

Uno dei propositi del buon Zuckerberg per il 2015 era stato proprio quello di leggere almeno un libro ogni due settimane.

Gates lo batte, con circa un libro alla settimana, per un totale di 50 libri all’anno.

Ora, so benissimo quanto scarseggi il tempo, soprattutto quando devi bilanciare lavoro, famiglia e tempo libero.

Ma leggere è un’attività che si presta perfettamente a tutti questi aspetti. Puoi condividere una lettura con le persone vicine a te ed è un ottimo modo per rilassarsi.

Più di tutto, è una fonte infinita di ispirazione per il business. Specialmente se leggi molte storie e biografie di personaggi di successo.

#5 Focalizzati sulla tua crescita personale

Ultimo ma non meno importante: l’obiettivo del 2017 è sì il successo, ma non solo in termini economici e carrieristici.

Devi concentrarti anche sulla tua crescita personale e fare tutto il possibile per migliorare te stesso.

Ricorda. Una persona più equilibrata, serena e focalizzata è un imprenditore migliore.

 

Quali sono i tuoi buoni propositi per il 2017?

Fammelo sapere lasciando un commento!