Categoria: esclusioni

29 posts

Come Combattere l’Ansia in Modo Semplice

By on in category
19 views

Soffrire di ansia non è un problema da sottovalutare.

Tutt’altro.

Infatti, se non trattata, questa condizione può portare a patologie ben più gravi. Ad esempio, la depressione.

Per non parlare di quanto sia d’ostacolo nella vita di tutti i giorni, impedendoti di operare con serenità, di goderti i momenti belli e di creare delle opportunità importanti.

Per fortuna diversi studi dimostrano come sia possibile combattere l’ansia (o quanto meno gestire l’ansia) con dei cambiamenti semplici da apportare alla quotidianità.

Cos’è l’ansia: tutto quello che devi sapere

Facciamo un piccolo passo indietro.

Perché se vuoi sconfiggere l’ansia, prima devi sapere di cosa si tratta.

Stando al Trattato Italiano di Psichiatria, l’ansia è “uno stato emotivo a contenuto spiacevole, associato ad una condizione di allarme e di paura che insorge in assenza di un pericolo reale e che, comunque, è sproporzionata rispetto ad eventuali stimoli scatenanti.”

Sintomi ansia: come riconoscerli

Gli attacchi di ansia sono accompagnati da sentimenti di disforia o da sintomi fisici di tensione. (fonte American Psichiatric Association)

In altre parole, si tratta di una condizione psicofisica, con sintomi sia emotivi che fisici. I più comuni sono:

Ansia sintomi psicologici

  • Difficoltà a concentrarsi
  • Forte preoccupazione prolungata
  • Pensieri negativi
  • Difficoltà ad addormentarsi
  • Scarsa memoria
  • Tendenza a perdere la pazienza con facilità

Ansia sintomi fisici

  • Tachicardia
  • Dolori al petto
  • Vampate di calore
  • Sensazione di soffocamento
  • Iper sudorazione
  • Brividi e tremolii
  • Vertigini

Sconfiggere l’ansia in modo semplice

Ecco, secondo gli esperti, come puoi combattere l’ansia ogni volta che sei assalito da uno dei sintomi di cui ti ho appena parlato.

1. Pensiero positivo

Studi dimostrano che il pensiero positivo aumenta il benessere psico-fisico e diminuisce l’ansia.

Pensare positivamente è un’abilità che richiede esercizio, ma con il tempo diventerà parte integrante del tuo approccio alla vita quotidiana.

Quando senti salire l’ansia, sforzati a scacciare ogni sensazione negativa e concentrati solo su pensieri positivi.

Ad esempio, immaginati in un luogo che ami, o in compagnia delle persone a cui vuoi bene, oppure ripensa a ciò che hai provato quando hai ottenuto un successo in passato.

2. Tecniche di respirazione

Io trovo che la respirazione sia una tecnica efficacissima per sconfiggere l’ansia.

Ne esistono di tante tipologie, ma la mia preferita è la seguente.

  1. Sdraiati o siediti comodamente.
  2. Metti una mano sul petto e una sul ventre.
  3. Inspira per qualche secondo, e poi espira lentamente.
  4. Mentre lo fai, concentrati sul movimento delle mani che si alzano e abbassano con il respiro.
  5. Continua per 5 o 10 minuti.

3. Sconfiggere l’ansia con l’alimentazione

Quando soffri di ansia e stress, il tuo corpo ha bisogno di specifici nutrienti che lo aiutino a gestire l’ansia e ad attutirne gli effetti.

Per esempio, la vitamina C permette di proteggere e riparare le cellule, quindi tornano utili alimenti che ne sono ricchi, come i mirtilli.

Allo stesso tempo, esistono dei cibi che hanno addirittura un effetto positivo sul morale (controllato dai livelli di serotonina, melatonina e dopamina del cervello). Tra questi rientrano l’avocado, il pesce e le uova, in quanto fonti di vitamina B6.

Questi sono consigli che puoi fare rientrare con semplicità tra le tue abitudini per vivere più serenamente.

In caso la condizione fosse più avanzata, ti consiglio di rivolgerti a uno specialista.

 
By on in categories

Sviluppare le relazioni negli incontri online.

17 views

Ho trovato questo breve articolo, ma interessante, su come sviluppare le relazioni negli incontri online:

Proprio come le normali relazioni nel mondo reale, le relazioni online hanno bisogno di attenzioni per continuare a crescere.

Ecco qui alcuni brevi suggerimenti per mantenerle vive.

1. Prendetevi il tempoche serve e non mettete fretta.

Il vostro partnervi cerca regolarmente? E voi fatelo stesso?

Trascurare gli appuntamenti virtuali può essere considerato abuso o negligenza, quindi trattate con rispetto il tempo degli altriSe state concedendo poco tempo, o ve ne concede poco il partner, potrebbe significare cheil momento di interrompere la relazione e diguardare avanti.

2. La comunicazione deve essere “sentita” nel modo giusto da entrambi.

Se uno di voi è troppo invadente durante l’incontro online, per esempio, l’altro può percepire vibrazioni negative. Quindi non abbiate fretta. Prendetevi il tempoche serve per conoscere meglio l’altro e per sviluppare reciproca fiducia.

3. Rispettatela privacy dell’altro.

Non diffondete indirizzi e-mail personali o foto online ,per esempio, se il partner vi ha inviato le informazioni in via confidenziale.

4. Condividete dei momenti speciali siaonline che offline.

Online: potete inviare gif di auguri, link dei siti preferiti dove caricare le foto del vostro animale domestico, dove si può scaricare musica e video clips, e postare su forum di vostro interesse

.Offline: potete scambiarvi il vostro indirizzo reale o la casella postale per inviarvi biglietti di augurie cartoline o piccoli oggetti della vostra zona (come un portachiavi con il simbolo della vostra regione o città).

Curate il vostro rapporto online.

Innaffiatelo con attenzione e con il tempo potrà germogliare e crescere.

Trova nuovi consigli e ispirazioni, scopri i segreti della seduzione, come attrarre a te la tua anima gemella,  a realizzare i tuoi obiettivi in modo che tu possavivere la vita che desideri con l’altro sesso.

Comincia subito ed entra in questo fantastico Universo

Clicca qui per scaricare la tua Guida.

Con questa guida imparerai i segreti per conquistare un uomo oltre a molte tecniche da mettere subito in pratica per vedere i primi risultati!

 

 
By on in category

5 Strategie per Aumentare l’Autostima

308 views

Riuscire ad aumentare l’autostima e la fiducia in sé stessi è come acquisire un superpotere.

Dalle relazioni con le altre persone al successo sul lavoro, tutto diventa più facile e niente è più impossibile. Per non parlare del miglioramento della percezione di te, che permette di vivere una vita più serena e bilanciata.

Ecco perché ritengo che costruire l’autostima sia tra gli aspetti più importanti per ognuno di noi.

Siamo ciò che crediamo di essere.

La capacità di credere in sé stessi abbatte ogni limite al nostro potenziale.

Più hai fiducia in te, più sono le opportunità che cogli e le cose che puoi fare.

Peccato che spesso l’approccio che adottiamo sia esattamente l’opposto. Ovvero pensare “è impossibile”, “non sono all’altezza” o “non ce la posso fare”.

Ma puoi cambiare.

Applica queste 5 strategie per migliorare l’autostima.

1. Implementa il tuo dialogo interiore positivo

Puoi aumentare l’autostima attraverso il dialogo positivo con te stesso.

Sfrutta la tua voce interiore per inviare messaggi positivi alla tua mente così da migliorare la tua autopercezione.

In altre parole, inizia a essere di supporto a te stesso riconoscendo il tuo valore e verbalizzandolo mentalmente.

Inoltre, individua i pensieri negativi che si insinuano nel tuo cervello (“non sono capace”, “ho sbagliato”, ecc.) e trasformali in pensieri positivi.

2. Accetta chi sei: pregi e difetti

Come si può avere fiducia in sé stessi se non accettiamo chi siamo?

Non avere paura di guardare il tuo vero io.

Accettarti vuol dire riconoscere la tua persona nella sua interezza: pregi e difetti, punti di forza e di debolezza, capacità e difficoltà.

Solo così puoi capire (e accettare) quali cose non puoi cambiare e quali sì, in modo da lavorare su queste ultime per migliorare la tua vita.

3. Aumenta la tua capacità di problem solving

Prendere coscienza della propria capacità di risolvere i problemi è utilissimo al fine di costruire l’autostima.

Naturalmente non parlo dei problemi di matematica, ma degli ostacoli e delle sfide che affronti nella vita di ogni giorno.

Mettiti alla prova più che puoi.

Questo ti aiuterà a incrementare le tue competenze di problem solving.

4. Migliora la tua comunicazione e assertività

Hai mai la sensazione che le persone non ti ascoltino?

Quando le tue opinioni vengono sistematicamente ignorate – o non sono proprio registrate – è difficile credere in sé stessi. Ti senti inadeguato e secondo agli altri.

Al contrario, quando vieni coinvolto e ciò che hai da dire è preso in considerazione, la tua autostima cresce.

Perché questo avvenga, devi potenziare le tue abilità comunicative ed essere più assertivo quando parli.

5. Incrementa il tuo autocontrollo

Spesso questa strategia per aumentare l’autostima viene sottovalutata, ma io la trovo importantissima e molto efficace.

Migliorare l’autocontrollo ti fa sentire più forte e capace.

Ma non solo. Avere una vita e delle abitudini più controllate, garantisce un maggiore equilibrio e quindi rende più naturale avere fiducia in sé stessi.

 

Trova nuovi consigli e ispirazioni per crescere e costruire la tua autostima. Iscriviti ora al mio gruppo Ci Metto Passione!

 
By on in category

La Felicità è un Traguardo? Come Essere Felici Realmente

172 views

“La felicità non è un obiettivo, è un sottoprodotto di una vita vissuta bene.”, Eleanor Roosevelt.

Nel mio lavoro mi capita spesso di parlare di come trovare la felicità o di come avere successo. Infatti di frequente si rivolgono a me persone che hanno avuto un percorso professionale e personale difficile in cerca di un riscatto.

Qual è il loro traguardo? Essere felici.

Rincorrere la felicità VS fare quello che ti rende felice

Quello di cui non tutti si rendono conto è che esiste una differenza enorme tra rincorrere la felicità e vivere la propria vita in un modo che possa effettivamente portarci a essere felici.

Se poni la felicità come obiettivo della tua vita, diventa qualcosa di astratto e solenne. Una sorta di sacro graal, che per definizione deve essere difficilissimo da ottenere. Come risultato, finisci con l’incasinarti l’esistenza con progetti contorti che cannibalizzano qualsiasi aspetto della tua vita che non sia proiettato al lungo termine.

Al contrario, fare ciò che senti ti dà soddisfazione e ti ispira al momento, senza pensare alla felicità in modo definitivo, arricchisce la tua vita di quelle gioie e gratificazioni che con il tempo ti rendono felice davvero.

Ma non solo. Se pensi di poter trovare la felicità come sottoprodotto di quello che fai ogni giorno, ti abitui anche alla sua naturale discontinuità senza che questo ti mandi ogni volta in crisi esistenziale. Tutti attraversiamo alti e bassi, è normale. Dunque è intelligente essere capaci di apprezzare i momenti positivi e di capire che quelli negativi non definiscono la tua vita in modo assoluto.

Se invece ritieni che la felicità sia un traguardo statico, ti sembra di avere fatto un passo indietro ogni volta che va storto qualcosa. Diventa un valore facile da perdere e quindi fonte di stress. E se la felicità genera ansia, che razza di felicità è?

Scopri 10 abitudini degli imprenditori di successo

Segui la tua strada, non quella che si aspettano gli altri da te

Quando si tratta di capire come essere felice, uno degli errori più grandi che puoi commettere è avere paura di deludere gli altri.

Io stesso ho fatto questo sbaglio. Ho preso delle decisioni professionali in base alle aspettative di altre persone, e questo non ha fatto altro che ritardare la mia realizzazione. Mentre quando ho deciso di fare quello che volevo – di seguire i miei sogni, non quelli degli altri – allora sì che la musica è cambiata e ho iniziato a ottenere dei risultati e delle gratificazioni.

Molto spesso la decisione di accontentare tutti tranne te stesso è proprio una conseguenza del concepire la felicità come un traguardo. Perché in questo modo confezioni delle proiezioni di te, che sono troppo speculative.

Non mi fraintendere. Avere degli obiettivi nella vita è importantissimo, così come lo è nel lavoro. Però devono essere obiettivi concreti e strutturati, non assoluti e teorici.

La felicità è una conseguenza (un sottoprodotto) di una vita vissuta in modo soddisfacente, quanto il successo è un effetto collaterale di una carriera svolta con passione e professionalità. Per questo, più che sull’obiettivo ultimo, devi concentrarti sul percorso e sull’attualizzazione delle condizioni che ti metteranno nella condizione di essere felice.

Hai bisogno di consulenza per ritrovare la tua strada e il tuo equilibrio? Scopri come posso aiutarti da oggi.

 
By on in category

Le 3 regole del self-talk

338 views

Sai parlare con te stesso?

Può sembrare una domanda banale, ma ogni imprenditore dovrebbe porsela.
Parliamo con noi stessi in ogni momento, quando avvertiamo quella VOCINA insistente nella testa che non riesci a zittire!
Proprio per questo motivo, dirigere quello che pensiamo di noi e il modo con il quale comunichiamo con noi stessi, è importante per ottenere SUCCESSO:
La famosa vocina potrebbe essere, infatti, la tua migliore amica o la tua peggior nemica. Tutto dipende da quanto la sai controllare.

PENSARE NEGATIVO SABOTERÀ IL TUO LAVORO

Tra le strategie che mi hanno portato più risultati in ambito lavorativo una è il self-talk.
Ho capito che, se non sai parlare a te stesso, rischi di mettere in atto un autentico auto sabotaggio.
L’errore più comune è quello di parlare al proprio sé in maniera errata e negativa.
Dirsi “Fallirò sicuramente” o “Non devo commettere errori”
Bombarda, è il caso di dirlo, il cervello di impulsi negativi e farà sì che tutto vada, esattamente, come non volevi che andasse.

Da buon coach di te stesso, per migliorare la tua attività, dovrai imparare a formulare frasi che possano mandare solo impulsi positivi e corretti al cervello, alla tua mente. Allo stesso tempo, dovrai saper impedire immediatamente ai pensieri negativi di agire sulla tua determinazione.

Le 3 regole del self-talk

La formazione di ogni imprenditore richiede la conoscenza delle principali tecniche di self-talk da applicare in ogni situazione.

Seguendo queste semplici tre regole sarai più positivo e determinato, sarai in grado di massimizzare il tuo business e raggiungere i tuoi obiettivi:

1. Parla in positivo: bandisci le frasi negative, parla con te stesso solo utilizzando la positività. Se ti dico non pensare al prossimo appuntamento di lavoro, a cosa pensi? Evita di farlo, evita di parlare con te stesso utilizzando negazioni.

2. Usa il tu: una ricerca condotta dall’Università del Michigan ha analizzato l’utilità della seconda persona singolare, anziché della prima, mentre parliamo con noi stessi. Quando parli con te stesso, dunque, ricordati sempre di darti del tu per un self-talk più funzionale.

3. Incoraggiati: sei il coach di te stesso, per questo motivo devi darti la giusta carica e sostenerti al fine di migliorarti ed essere più sicuro di te. Vuoi il tuo meglio: ricordatelo sempre.

Conoscevi queste tecniche? Lascia un commento qui sotto.

 
By on in category

Imparare dai tuoi errori: per crescere e avere successo

899 views

Una cosa che dico sempre a mia figlia è che non deve avere paura di sbagliare, ma di imparare dai propri errori.

L’insuccesso è parte fondamentale del percorso di ogni imprenditore e persona. E quando dico fondamentale, intendo proprio che senza di esso non ci può essere progresso.

Ogni errore è una sfida. Un esercizio nato per farci crescere come professionisti e come persone. Come compiere uno sforzo fisico aumenta la tua massa muscolare, affrontare un fallimento allena e rende forte la tua mente. Cosa ancora più importante, la prepara a non commettere più lo stesso sbaglio.

Perché questo accada, però, è necessario sapere riconoscere i propri errori, studiarli e imparare da essi.

Leggi Coordinate digitali: la mia guida di strategia digitale per imprenditori.

L’importanza di fare errori: la chiave per crescere

Nelle sue Sette Regole Per Avere Successo, Stephen Covey scrive che la chiave per crescere ed essere felici è il modo in cui le persone utilizzano quello spazio che sta tra “stimolo e risposta”.

Pensaci. Ogni avversità o imprevisto ti lancia uno stimolo a cui seguirà una tua reazione. Puoi redimerti o puoi peggiorare la tua situazione. Questo sta solo a te a al modo in cui impieghi quell’intervallo tra l’errore (stimolo) e la tua prossima mossa (risposta). Se vuoi avere successo, devi usare quel momento per imparare dai tuoi errori.

Come? Innanzitutto, cerca di individuare l’errore in modo chiaro e obiettivo. Il ché non vuol dire trovare un colpevole e metterlo alla gogna, ma capire esattamente dove sono andate storte le cose.

Poi devi analizzare come e perché hai sbagliato. È stato un problema organizzativo? Allora devi rivedere la tua struttura. È dipeso da una mancanza di preparazione? Allora devi acquisire delle conoscenze specifiche o delegare a qualcuno che le possegga già. E così via.

Si tratta di un’operazione importantissima e per questo ti consiglio di prenderti tutto il tempo di cui hai bisogno.

Rifletti, rivivi, seziona: spremi questa esperienza fino all’ultima goccia di consapevolezza. Il tuo obiettivo è imparare tutto quello che puoi.

Scopri come scalare e crescere il tuo business su internet in pochi mesi 

Ripetere i tuoi errori: quello sì che è fa male

Imparare dagli errori è importante perché è l’unico modo per non ripeterli una seconda volta. Sì, perché c’è una grande differenza tra commettere un errore (perfettamente sano e necessario alla crescita) e ripetere lo stesso.

Inciampare ancora e ancora sullo stesso ostacolo significa che non stai andando avanti. È un loop che si ripete e che ti impedisce di crescere. Al contrario, se hai appreso la tua lezione, sarai in grado di riconoscere le circostanze e le cause che ti hanno fatto sbagliare la prima volta, e sarà istintivo agire in modo diverso. Ovvero sfruttare in modo efficace lo spazio tra stimolo e risposta.

Come imprenditori, capita sempre di prendere una decisione sbagliata, ma questo non definisce il successo o il fallimento in via definitiva. Basta ascoltare la propria esperienza e calibrare il futuro in base a quanto imparato. Questo è quello che io chiamo progresso.

Vuoi avere successo sul mercato di oggi? Compila il form e richiedi la guida GRATUITA

 
By on in category

Come Fallire Aiuta gli Imprenditori ad Avere Successo

71 views

La paura del fallimento è uno dei più grandi limiti che un imprenditore possa imporsi.

Ti impedisce di imparare nuove cose.

Ti rende diffidente.

Smorza la tua curiosità e uccide la tua creatività.

In qualche modo, bisbiglia al tuo orecchio che non puoi più permetterti di sognare in grande, perché coinvolgerebbe troppi rischi.

E una volta che ti sei messo quella voce in testa è molto difficile farla tacere.

Bada bene: con questo non voglio dire che un imprenditore non debba essere cauto.

Ma la prudenza è una cosa, mentre cercare l’infallibilità è un’illusione pericolosa.

Ecco perché fallire aiuta gli imprenditori ad avere successo.

Perché ogni imprenditore dovrebbe fallire prima possibile

Nella mia esperienza non ho ancora incontrato una sola persona di successo che descrivesse la sua carriera come facile e ‘liscia’.

Infatti, il fallimento è parte del successo, non un suo contrario.

Prima o poi viene a galla ed è molto meglio che sia prima.

Già, fallire all’inizio della propria carriera significa innanzitutto imparare subito una lezione.

Commetti un errore, capisci dove hai sbagliato e ti assicuri di evitarlo in futuro.

Un processo semplice, logico e molto efficace, in business come nella vita.

Per esempio, pensa a Bill Gates e al suo percorso.

Il suo primo approccio al mondo del business è avvenuto con Traf-O-Data, azienda che doveva produrre computer per la trasmissione dati dagli apparecchi di rilevamento del traffico.

Un esperimento chiaramente fallito, ma che altrimenti non avrebbe mai spinto Bill Gates nella direzione di Microsoft.

Insomma, in questo senso puoi vedere il fallimento non come un punto morto, ma come una seconda possibilità. Che si tratti di raggiungere lo stesso obiettivo con una modalità differente o di cambiare completamente strada.

Ma non è tutto.

Agli imprenditori conviene fallire il prima possibile perché prima si cade e più facile è rialzarsi.

Posto che, come ho già detto, collezionare almeno un fiasco sia inevitabile, meglio farlo quando non ci sono ancora troppi fattori in gioco.

Ad esempio dipendenti che contano sul successo dell’azienda e capitali economici piuttosto alti.

Tuttavia, anche in una fase successiva devi essere pronto a commettere uno sbaglio e a rialzarti.

Anziché evitarlo, impara come affrontare il fallimento

Ora che ti ho spiegato perché fallire aiuta gli imprenditori ad avere successo è ora di capire il passo successivo.

Ovvero come affrontare il fallimento.

Infatti l’errore commesso non è una condizione definitiva, ma una semplice deviazione. Devi solo orientarti di nuovo e capire in quale direzione proseguire.

E già, a noi imprenditori nessuno dà una bussola quando ci mettiamo in proprio.

A volte si tratta semplicemente di andare avanti a tentativi. Quando va bene vuol dire che le coordinate sono corrette, quando va male è il caso di fermarsi e cambiare.

Naturalmente questi tentativi devono essere pensati e avere un senso strategico, che però può rivelarsi non esatto. Ma è molto diverso dall’andare alla cieca.

La prima regola per affrontare il fallimento nel modo giusto è capire il tuo errore e non perseverare.

Se non vuoi scavarti una fossa troppo profonda per poterne uscire, devi ammettere di avere sbagliato e capire dove lo hai fatto.

Fermati, riacquista la tua lucidità e individua cosa è andato storto.

Perché non puoi superare il fallimento senza aver capito cosa hai sbagliato.

Attenzione però: trovare la causa dell’errore non vuol dire cercare un capro espiatorio a cui addossare la responsabilità.

E infatti la seconda regola è proprio non perdersi mai nel gioco della colpa.

Tu, io, loro: niente dita puntate. Non serve a nulla.

Usa quelle energie per rimboccarti le maniche e riprendere il controllo della tua attività.

Il fallimento è un’occasione per imparare, non per incolpare.

Tuttavia, tieni a mente che alle volte possa essere necessario sostituire uno o più rapporti professionali. In tal caso, fallo subito e velocemente.

Questo ci porta alla terza regola: devi trasmettere la cultura del fallimento a tutta la tua azienda.

Quanto detto finora non vale solo per te. Anche i tuoi dipendenti, soci e collaboratori devono capire che fallire aiuta ad avere successo.

Se invece a ogni errore cerchi un colpevole, ottieni l’opposto, perché diffondi la paura del fallimento.

L’importante è che lo sbaglio sia sempre frutto di un tentativo di fare qualcosa di sensato e positivo, e che il suo obiettivo sia il successo dell’azienda.

L’ultima regola del fallimento è non avere paura di chiedere aiuto per uscirne.

Ricorda, alle volte delegare e affidarsi all’esperienza di altri è fondamentale.

Una volta capita l’importanza del fallimento e come affrontarlo, mettiti nella condizione di fallire di tanto in tanto.

Cosa significa?

Sperimenta, esplora i tuoi limiti, sii creativo nelle tue scelte.

E fallo senza timore, perché tanto ora sai che fallire aiuta gli imprenditori ad avere successo.

 
By on in category

Come vincere la paura di parlare in pubblico durante le tue presentazioni e riunioni

788 views

Essere imprenditori e professionisti di successo non è vita da lupi solitari.

Anzi, proprio l’opposto: parte fondamentale dell’avere un’attività di successo è relazionarsi con gli altri. E non in modo impacciato: serve sapere come parlare in pubblico senza paura.

Perché parlare in modo spigliato e coinvolgente durante una presentazione, un convegno o una riunione è un vero e proprio vantaggio competitivo.

Ti è mai capitato di presentare un tuo nuovo servizio e di bloccarti o non riuscire a trovare le parole giuste? Il risultato è che quel servizio finisce col perdere appeal.

Tranquillo, per farlo nel modo giusto non è necessario essere degli animali da palcoscenico. Basta applicare delle strategie per vincere la paura di parlare in pubblico che possono aiutare anche le persone più timide.

Le mie strategie per imprenditori per superare la paura del pubblico

Coinvolgi il pubblico e fai contatto visivo.

Se vuoi scoprire come vincere la paura di parlare in pubblico, devi prima di tutto capire cosa significhi parlare a un pubblico.

Ripetere delle parole ad alta voce non basta, è necessario trovare dei modi per coinvolgere attivamente chi ti ascolta in quello che dici.

Come? Innanzitutto mantieni sempre il contatto visivo con le persone (cambiando spettatore). Poi, per esempio, puoi fare delle domande, invitare dei volontari per un esercizio, oppure chiedere al pubblico di immaginare una tale situazione.

Racconta storie d’impatto.

Raccontare storie potenti significa toccare le emozioni e gli interessi personali delle persone. Dunque avere la loro completa attenzione.

Per questo ti consiglio sempre di relazionare e contestualizzare i tuoi messaggi a dei racconti d’impatto.

Per esempio, io racconto sempre le mie esperienze personali e come ho superato le difficoltà nella mia vita grazie a quello che oggi passo agli altri.

Scopri cos’è lo storytelling e come puoi usarlo a tuo vantaggio.

Focalizzati sul pubblico, non su te stesso.

Uno dei peggiori errori che puoi commettere se vuoi vincere la paura di parlare in pubblico è concentrarti su te stesso.

È istintivo: ti trovi davanti a delle persone che guardano solo te e allora inizi a pensare all’impressione che stai facendo e a come ti vedono gli altri. Il risultato tipicamente è disastroso.

Per essere disinvolto e naturale, devi porre il focus sulle persone a cui ti rivolgi, come faresti in una conversazione normale.

Parla lentamente, respira e scandisci le parole.

Parlare in pubblico può non piacere, ma farlo velocemente per far finire la cosa prima non è affatto una buona idea.

Ricorda: il tuo obiettivo principale è trasmettere un messaggio nel modo corretto e per farlo devi essere certo che il tuo audience ti capisca perfettamente.

Per questo, io mi sforzo sempre a parlare con calma, a respirare mentre lo faccio e a inserire delle pause brevi.

Esercitati prima del grande momento.

Proprio come prima di un esame orale all’università o di un’interrogazione a scuola, la pratica è fondamentale per parlare in pubblico senza paura.

Ancora meglio se davanti a degli spettatori di prova! Per esempio la tua famiglia o il tuo team.

Se invece non hai la possibilità di farlo davanti a qualcuno, va bene anche da solo ad alta voce, magari davanti a uno specchio.

L’importante è fare attenzione a quello che dici, a come lo dici e alla tua gestualità, così da trovare la combinazione perfetta.

Aiutati con l’uso di slide accattivanti.

Un supporto visivo è un’ottima strategia per coinvolgere chi ti ascolta. E più vedrai le persone coinvolte, più sarà facile superare la paura di parlare in pubblico.

Puoi aiutarti con delle slide che accompagnino e fissino i punti salienti del tuo discorso. Assicurati che siano sintetiche (all’osso!) e impaginate con una grafica stimolante e in linea con l’argomento trattato.

Puoi gesticolare, ma non esagerare.

Siamo italiani, i gesticolatori per eccellenza. Il modo in cui usiamo mani e braccia mentre parliamo è leggenda.

Questo può essere un vantaggio, perché l’uso dei gesti per enfatizzare un messaggio fa parte del nostro DNA culturale. E dovresti approfittarne!

Per esempio, esporre i palmi delle mani in modo discreto durante un punto chiave, serve a rimarcare ancora di più tale punto.

Tuttavia, fai attenzione a non farti trasportare dall’entusiasmo, perché una gesticolazione esagerata finirà col distrarre dalle tue parole.

Queste sono le mie strategie per vincere la paura di parlare in pubblico. Prova ad applicarle nel tuo prossimo discorso.

 
By on in category

La fortuna esiste? Ecco come diventare più fortunati secondo una ricerca scientifica

251 views

La fortuna esiste davvero o è solo una chimera che le persone inseguono per non dover essere responsabili di ciò che gli accade?

Da consulente – convinto che agire e prendere il proverbiale toro per le corna sia una necessità – la mia risposta naturale sarebbe che “no, fortuna e sfortuna non esistono. Sei tu l’artefice del tuo destino.”

Tuttavia una ricerca pubblicata dallo psicologo inglese Richard Wiseman, mi ha aperto gli occhi su una questione estremamente interessante. Ovvero che la fortuna inizia a esistere nel momento in cui ci crediamo. E lo stesso vale per la sfortuna.

Il fattore fortuna: la prova che la fortuna “esiste”

Lo studio di Richard Wiseman ha preso in esame 400 volontari di età, sesso e estrazione sociale differenti, di cui metà si ritenevano fortunati e metà erano invece convinti di essere perseguitati dalla sfortuna.

Tra gli esperimenti condotti negli anni, uno in particolare si è rivelato decisivo nella tesi del professore britannico.

Wiseman ha dato un giornale a tutti i soggetti, con il compito di dirgli quante fotografie contenesse. In media, le “persone sfortunate” hanno impiegato due minuti a contarle tutte, mentre alle “persone fortunate” sono bastati solo pochi secondi.

Perché? Semplice: i soggetti che si ritenevano fortunati hanno notato immediatamente la scritta “Smetti di contare – Ci sono 43 fotografie in questo giornale.” stampata a caratteri grandi sulla seconda pagina.

Insomma, nella pratica le persone convinte di essere fortunate sono state effettivamente più fortunate, mentre agli altri è andata peggio.

Dunque Richard Wiseman ha dimostrato che la fortuna esiste, perché si tratta di uno stato d’animo radicato nel modo di pensare e di agire della gente.

In realtà, le persone generano la propria fortuna, e lo fanno attraverso quattro principi base.

I 4 principi scientifici per diventare più fortunati

1. Creare e notare opportunità

Le persone fortunate sono capaci di creare e notare delle opportunità. Che è esattamente il punto che ha messo in luce l’esperimento appena citato.

Se sei convinto che la vita sia un orribile complotto nei tuoi confronti, non riuscirai mai a mettere a fuoco le possibilità che ti si presentano, perché “tanto tutto fa schifo e non mi capiterà mai niente di buono.” Quando in realtà, quel qualcosa di buono ce l’hai davanti agli occhi.

2. Fidarsi del proprio intuito

Le persone fortunate ascoltano il proprio intuito, ed è così che prendono decisioni “fortunate”.

Dunque per diventare più fortunato, devi innanzitutto smettere di dubitare sempre di te stesso e devi iniziare a fidarti di quella vocina dentro la tua testa che ti dice di agire. Perché ha ragione!

3. Mantenere aspettative positive

Un’altra caratteristica che distingue le persone fortunate, è che mantengono delle aspettative positive che permettono loro di creare profezie che si auto avverano.

Per esempio, durante un colloquio di lavoro. Se lo approcci con la corretta impostazione mentale (convinto di farcela), le probabilità che vada a buon fine aumentano, perché trasmetti sicurezza ed energia positiva a chi ti ha intervistato, facendo sicuramente una migliore impressione.

4. Mai mollare

Ultimo dei principi per sconfiggere la sfortuna: le persone fortunate adottano un atteggiamento resiliente, che trasforma la sfortuna in fortuna.

In altre parole, essere forti e non arrendersi davanti agli ostacoli è la ricetta per cambiare una situazione negativa in successo.

Quindi la fortuna esiste?

Affermare che la fortuna non esiste, è come dire che non esistono l’ottimismo, l’autostima, o la fiducia in sé stessi.

Esiste come stato d’animo e come atteggiamento di vita.

Allo stesso modo, la sfortuna esiste perché le concediamo di esistere. Sta a noi girare l’interruttore e cambiare il nostro stato.

Vuoi trasmettere un atteggiamento positivo sul lavoro? Scopri le 10 abitudini degli imprenditori di successo.

 
By on in category

5 Atteggiamenti da Evitare sul Lavoro Che ti Fanno Percepire Spiacevole

1,126 view

La reputazione e il rapporto con gli altri sono due fattori fondamentali per il tuo successo.

Eppure esistono delle cattive abitudini sul lavoro che ti fanno apparire poco piacevole senza che tu te ne renda conto.

Dalla mimica del corpo a veri e propri atteggiamenti scostanti, la cosa migliore è prenderne consapevolezza. Solo così potrai evitare situazioni spiacevoli.

Ma soprattutto, sarai in grado di eliminare eventuali ostacoli alla tua carriera.

Evita questi 5 atteggiamenti spiacevoli sul lavoro

1.     Dipendenza da smartphone

Chiamo con il termine “dipendenza da smartphone” quella cattiva abitudine che hanno molti professionisti. E cioè guardare il proprio telefono ogni cinque minuti, a prescindere da dove ti trovi.

Questo è un atteggiamento spiacevole in qualsiasi contesto sociale. Ma specialmente sul lavoro, dove comunicare disinteresse può essere fatale per il rapporto con un cliente o con un collaboratore.

Già, perché è proprio questo il messaggio che comunichi quando guardi il tuo telefono mentre qualcuno ti parla. Oppure quando lo appoggi sulla scrivania nel corso di una riunione.

Scopri come scegliere i collaboratori giusti.

2.     Uso inappropriato dei social media

Facebook, Instagram e compagnia ormai fanno parte della quotidianità. Peccato che spesso le persone usino questi canali più come uno sfogo che come semplice passatempo. Anche su temi sensibili e in riferimento al lavoro.

Questa è una delle cattive abitudini sul lavoro che non ti puoi permettere se vuoi avere un’attività o una carriera di successo.

Per quanto sia possibile limitare l’accesso al tuo profilo e ai tuoi post, in realtà è improbabile avere il controllo certo sulla fine che fa tutto ciò che condividi e pubblichi.

Il mio consiglio: modera i tuoi toni sempre e a prescindere, ed evita completamente di pubblicare commenti forti a contenuti pubblici.

In poche parole, dai per scontato che chiunque possa leggerti.

3.     Perdere la calma troppo facilmente

A nessuno piace il lunedì mattina. E tutti hanno le proprie seccature personali.

Questo però non è un buon motivo per essere irascibile e per perdere le staffe con gli altri.

Alzare la voce, rispondere male, insultare e litigare davanti a un problema (seppur non causato da te) è un forte segnale del fatto che non hai il controllo.

Infatti denota una scarsa intelligenza sociale perché dimostra la tua incapacità di relazionarti con gli altri in modo equilibrato.

Questo non è solo un atteggiamento dannoso sul lavoro perché lede il rapporto con i tuoi colleghi. Mette anche in discussione le tue capacità imprenditoriali e manageriali, suggerendo a chi osserva che non sei in grado di gestire le situazioni complicate.

Risultato: verrai etichettato come instabile. E non è certo la prima qualità che le persone cercano sul lavoro.

4.     Il complesso del pavone

Tra le cattive abitudini sul lavoro, il complesso del pavone merita una menzione speciale.

Di cosa si tratta? Quando le persone tendono a “mostrare la coda” seppure nessuno glielo abbia chiesto.

“Ho fatto questo”, “conosco quello”, “sono stato questo e quello”. Tirare in ballo di continuo i tuoi rapporti professionali, titoli, abilità, competenze, e amicizie influenti è un modo molto veloce ed efficace per irritare gli altri.

Ricorda: il professionista sicuro non ha bisogno di fare nomi e citare titoli altisonanti per dimostrare il suo valore. Sono i fatti che parlano più di qualsiasi (auto) referenza.

Questo vale tanto di persona quanto online. Per esempio sul tuo profilo LinkedIn.

5.     Gossippare sui colleghi e dipendenti

Il gossip sul lavoro non è mai una buona idea. Non importa quanta confidenza tu abbia con la persona con cui lo fai.

Innanzitutto pone l’attenzione su un lato non proprio professionale del tuo carattere. Tipicamente, il pettegolo dell’ufficio è associato a una personalità frivola e insicura.

In secondo luogo, rende difficile ottenere la fiducia dei tuoi colleghi o dei tuoi collaboratori. Perché il dubbio che tu possa fare lo stesso con loro ci sarà sempre.

Le persone preferiscono i caratteri edificanti a quelli distruttivi. Per questo è importante adottare un atteggiamento positivo.

Questi sono 5 atteggiamenti sbagliati da evitare sul lavoro per non apparire spiacevole.

Continua a seguire il mio blog per ricevere altri consigli su come avere successo.